Crea una brochure efficace per la prossima fiera: segui questi 5 consigli

I trade show sono momenti importantissimi per moltissime industrie e per tutte le aziende che ne fanno parte. Partecipare a una fiera rappresenta un impegno e una spesa, ma anche la possibilità di migliorare in modo consistente la propria posizione sul mercato. Quando si partecipa a una fiera, però, è importante arrivare preparati: la concorrenza sarà altissima ed emergere fra gli altri sarà estremamente difficile. La maggior parte delle aziende si prepara a un trade show stampando brochure e altri materiali informativi. La spesa per questo tipo di stampe può non essere indifferente, ma l’efficacia è tutt’altro che scontata. Come assicurarsi che la tua brochure non finisca in una pila di altri materiali pubblicitari, dimenticata in una stanza d’albergo o, peggio ancora, abbandonata allo stand e buttata via subito dopo l’evento? In questo post ti daremo qualche consiglio per creare una brochure che si distingua dalla concorrenza e che faccia risaltare la personalità del tuo brand.

1. Non pensare solo alla brochure!

La brochure non è l’unico elemento di cui dovrai preoccuparti. Il cliente o il potenziale partner che si avvicina al tuo stand, infatti, non vedrà una brochure, ma un intero spazio, composto da più elementi. Ogni angolo di quello spazio dovrà rifletter in modo coerente la tua identità aziendale. Prima di commissionare la tua brochure, lavora sulla creazione di un’intera identità grafica riconoscibile, con uno schema di colori ben definito e uno stile coerente. Se la tua identità visiva sarà memorabile e ben applicata a tutti gli elementi, l’efficacia della tua brochure ne risulterà aumentata. Sfogliando la brochure in un secondo momento, infatti, l’interlocutore potrà recuperare agevolmente il ricordo di un messaggio chiaro, che ha già metabolizzato e che gli è familiare.brochure per fiera

2. Metti in mostra le tue brochure

Una pila di brochure appoggiate su uno stand non servono quasi a nulla: non hanno alcun impatto visivo, non attirano l’attenzione e non invitano alla consultazione. E no, non basta neanche disporle a ventaglio o creare piccole composizioni geometriche. Il problema principale è la posizione orizzontale: se la copertina è visibile solo a chi si trova già a due passi dallo stand, è chiaro che la brochure non sta funzionando come un elemento promozionale e non sta attirando nuovi visitatori allo stand aziendale. Meglio allora investire in un paio di espositori, che permettano di tenere le brochure in bella mostra, con la copertina visibile anche a distanza. Questo permetterà all’identità grafica dello stand di emergere in modo più deciso e contribuirà ad aumentare il traffico di visitatori allo stand.

3. Metti una novità in copertina

Che cosa metterai sulla copertina della tua brochure? Noi ti consigliamo di non cercare di sintetizzare tutta la tua identità in una sola immagine, ma piuttosto di utilizzare la brochure come l’edizione straordinaria di un giornale, attraverso la quale condividere le novità più importanti. Scegli il prodotto o servizio di punta che intendi promuovere in quella particolare occasione e fanne il protagonista della tua copertina. Questo non vuol dire rinunciare a promuovere il resto della tua offerta, ma semplicemente utilizzare la tua brochure per sottolineare l’importanza del tuo prodotto di punta. L’idea di qualcosa di nuovo, di unico, di importante che viene annunciato in esclusiva servirà a incuriosire e attirare il pubblico di passaggio, generando traffico, creando nuovi contatti e aumentando la brand awareness.

4. Utilizza immagini davvero utili per il cliente

Abbiamo detto più volte che, quando si stampano materiali pubblicitari di qualsiasi genere, è indispensabile investire in immagini di qualità. Quando si partecipa a un trade show, però, è anche importante offrire una brochure che contenga immagini non solo belle, ma utili. Presentarsi al meglio è importante, ma i visitatori di una fiera sapranno anche apprezzare un’esposizione chiara e onesta dei contenuti. Le foto del tuo prodotto dovrebbero illustrarne dettagliatamente tutti i particolari più importanti per la clientela. Se le specifiche tecniche sono importanti per la valutazione dei tuoi prodotti, assicurati di includere foto che permettano ai potenziali acquirenti di farsi un’idea chiara del prodotto. Questo tipo di onestà comunicativa sarà apprezzato dai clienti e trasformerà la tua brochure in un riferimento da utilizzare ogni volta che si ha bisogno di considerare determinate caratteristiche di quel prodotto.

stampare una brochure

5. Prenditi tutto il tempo necessario

Se partecipi a un trade show, non aspettare l’ultimo momento per ordinare la tua brochure. Questo tipo di prodotti, infatti, sono più complessi rispetto a flyer e locandine e possono richiedere un paio di prove, prima di arrivare a una soluzione soddisfacente. Lavora d’anticipo, commissionando le grafiche appena possibile e investendo in un paio di prove di stampa su materiali diversi. In questo modo avrai tempo a sufficienza per apportare tutte le modifiche necessarie, per far vedere in anteprima la brochure ai tuoi clienti e chiedere un feedback sulla sua leggibilità, per rivedere l’impaginazione e la qualità della stampa e per scegliere i materiali più adatti.

Contattaci per le tue stampe professionali